Diritto Processuale Civile Italiano e Internazionale



Tribunale di Terni, sentenza n. 686/2017 del 28/08/2017
Compravendita di materiale ceramico – Azione di garanzia per vizi ex art. 1495 c. c. – Applicazione di ufficio del “codice del consumo” – Domanda riconvenzionale del rivenditore contro il produttore – Proposizione oltre la prima udienza di comparizione delle parti – Giudice di pace – Tardività – Accoglimento dell'appello.

Sentenza

Tribunale di Modena, sentenza n. 1769/2016 del 27/09/2016
Opposizione a decreto ingiuntivo – Eccezione di nullità della notifica per rinuncia al mandato da parte del difensore del ricorrente – Costituzione in giudizio – Raggiungimento dello scopo dell’atto – Rigetto dell’eccezione – Clausola compromissoria – Incompetenza dell’autorità giudiziaria ordinaria - Nullità del decreto ingiuntivo.

Sentenza

Tribunale di L'Aquila, sentenza n. 118 del 11/02/2016
Eccezione di mancata notifica del titolo esecutivo - Opposizione all'esecuzione - Art. 615 C. P. C. - Contestazione della sottoscrizione contenuta nell'avviso postale di consegna dell'atto giudiziario - Querela del falso - CTU grafologica - Mancata riferibilità della sottoscrizione al debitore - Insussistenza della notificazione - Mancata applicabilità della presunzione di ricezione dell'atto dai congiunti prevista dall'art.7, n. 890/92.

Sentenza

Tribunale di Reggio Emilia, ordinanza del 21/05/2014
Sequestro conservativo - art. 671 c. p. c. - credito per canoni di locazione di immobili commerciali - procedimento di opposizione a convalida di sfratto - periculum in mora - elementi comprovanti la sussistenza di tale presupposto - soggettivi - comportamenti del debitore - situazioni di ordine oggettivo - incapienza del patrimonio del debitore rispetto al valore del credito azionato - sussistenza alternativa dei presupposti soggettivi ed oggettivi - sufficienza - concessione della misura cautelare.

Sentenza



Tribunale di Modena, ordinanza del 02/12/2013

Ordinanza ingiunzione - art. 186, ter c. p. c. - richiesta di provvisoria esecutività - insussistenza di entrambi i presupposti previsti dagli artt. 642 e 648 c. p. c. - concessione di ordinanza ingiunzione non provvisoriamente esecutiva.

Sentenza

Tribunale di Modena, ordinanza del 28/01/2013

Cancellazione di società in nome collettivo - perdita della capacità giuridica - fenomeno equiparabile alla morte della persona fisica - decreto ingiuntivo emesso contro società in nome collettivo già cancellata - inesistenza del titolo esecutivo - carenza del diritto di procedere ad esecuzione forzata - chiusura del procedimento esecutivo - pronuncia di estinzione - cancellazione del vincolo del pignoramento immobiliare - assegnazione di un termine per l'introduzione della causa di opposizione all'esecuzione - non necessità - liquidazione delle spese a favore del debitore esecutato nell'ambito del procedimento esecutivo - applicazione dei parametri relativi al procedimento esecutivo

Sentenza

Tribunale di Modena, ordinanza del 30/03/2012
Il procedimento per decreto ingiuntivo europeo, previsto dal regolamento CE n. 1896 / 2006, è incompatibile con la concessione della provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo opposto.

Sentenza

Tribunale di Roma sentenza n. 825 del 02/01/2012
Abuso del diritto di azione giudiziaria - Responsabilità aggravata dell'opponente a decreto ingiuntivo ex art. 96 c. p. c. - liquidazione equitativa del danno, con riferimento ai parametri utilizzati per la liquidazione del pregiudizio derivante dalla violazione del principio di ragionevole durata del processo.

Sentenza

Corte di appello di Torino, sentenza n. 459 del 30/03/2010
Non sussiste il lamentato vizio di eccesso di potere nel caso in cui l'arbitro, invece di decidere sulla base del diritto austriaco richiamato dalla clausola compromissoria, definisca la controversia, prendendo atto dell'accordo intervenuto tra le parti. E' Infondato il motivo di opposizione per cui la clausola arbitrale sarebbe nulla per indeterminatezza dei criteri di costituzione e designazione dell'arbitro, allorquando tale clausola attribuisca alle parti la facoltà di concordare la nomina di un arbitro monocratico invece che collegiale e, peraltro, non sia stata sollevata contestazione di sorta in proposito nel corso del procedimento arbitrale stesso.

Sentenza

Tribunale di Cosenza, sentenza n. 240 del 08/02/2010,

Procedimento di separazione tra coniugi cittadini italiani - Regolamento CE n. 2201 / 2003 - giurisdizione dei Tribunali italiani - sussistenza - pendenza di precedente procedimento di separazione all'estero (Germania) - criterio della prevenzione - art. 19 - insussistenza della giurisdizione italiana.

Sentenza

Tribunale di Milano, ordinanza del 20/04/2009

Ricorso cautelare ex art. 700 c. p. c. – segnalazione Centrale Rischi della Banca d’Italia – debito contestato – opposizione a decreto ingiuntivo – omessa valutazione della complessiva situazione finanziaria della parte ricorrente – illegittimità della segnalazione – cancellazione – cessazione della materia del contendere - soccombenza virtuale – condanna al pagamento delle spese processuali.

Sentenza



Tribunale di Como, Sez. Dist. di Cantù, sentenza n. 253 del 30/12/2008
Domanda proposta davanti al giudice italiano contro società avente sede in Italia - eccezione di difetto di giurisdizione - infondatezza - art. 3, l. n. 218 / 1995 - art. 2, Regolamento n. 44 / 2001 - vendita internazionale di legname - vizi e difetti - mancata prova della sussistenza - condanna al pagamento del prezzo residuo.

Sentenza

Tribunale di Reggio Emilia, sentenza n. 393 del 16/06/2004

Infortunio sul lavoro – risarcimento danni subiti dal lavoratore – fallimento del datore di lavoro – incompetenza del giudice del lavoro – improcedibilità della domanda – competenza del Tribunale fallimentare.

Sentenza

Corte di appello di Brescia, decreto del 09/04/2003

Sentenza austriaca di condanna - esecuzione nell'ordinamento italiano - Regolamento n. 44 / 2001 - non applicabilità ratione temporis - Convenzione di Lugano 16 settembre 1988, ratificato con l. n. 198 / 1992 - applicabilità.

Sentenza



Tribunale di Modena – Sezione Distaccata di Sassuolo, sentenza del 02/09/2002

Ordinanza ex art.186 quater c. p. c. - pretesi vizi del titolo esecutivo - opposizione ad atto di precetto – impossibilità di fare valere pretesi vizi relativi alla formazione del titolo esecutivo – rigetto dell’opposizione.

Sentenza